• 26
  • Gen
  • 0
coliche
Author

Coliche

Coliche infantili migliorate con la chiropratica

Il Servizio Nazionale per la Salute di Ballerup (Copenhagen, Danimarca) ha condotto uno studio che coinvolgeva 50 bambini con diagnosi di coliche infantili. Alla metà del gruppo era somministrato un farmaco mentre all’altra metà era data una cura chiropratica. Durante lo studio 9 dei 25 bambini che prendevano il farmaco si ritirarono perché stavano peggiorando.

Questi bambini allora non furono contati nelle statistiche finali, le quali mostravano un effetto del farmaco peggiore di quello pubblicato. Persino togliendo dalle statistiche i bambini che stavano peggiorando col farmaco, i risultati mostrarono un significativo miglioramento nel gruppo sottoposto a cura chiropratica.

Da 4 a 7 giorni, i bambini che rimanevano nel gruppo col farmaco avevano ridotto le ore di pianto solo di un’ora, mentre tutto il gruppo sottoposto a chiropratica contava una diminuzione in media di 2.4 ore. I risultati dopo 8-10 giorni continuavano a mostrare miglioramenti di un’ora con la terapia farmacologica, mentre nel gruppo chiropratico vi era un ulteriore miglioramento di 2.7 ore in meno di pianto. I ricercatori notarono che rimuovere dallo studio il numero dei bambini peggiorati con il farmaco faceva sembrare gli effetti del farmaco meglio di quanto in realtà fossero.

 

La cura chiropratica sconfigge le coliche

Questo titolo appariva nel Dicembre 1998 sul Country Living’s Healthy Living, a pag. 53 L’articolo descrive il caso di una mamma la cui bambina soffriva di coliche, la mamma spiegava la situazione iniziando dalla sua telefonata al pediatra. “Quando chiamai il mio dottore per chiedergli se pensava che fosse sicuro rivolgersi ad un chiropratico, lui fu ambiguo: la chiropratica non nuocerebbe né aiuterebbe. Mi disse che se era colica, essa avrebbe fatto il suo corso in tre mesi”. Dopo questo avviso, il passo successivo fu portare la bambina dal chiropratico.

Dopo il primo aggiustamento, la bambina sembrava più reattiva e quando aveva la colica la mamma seguiva le istruzioni date dal chiropratico e la bambina si calmava. “Avevamo 5 visite col chiropratico; ognuna durava 20 minuti e a Lucy (la bambina) sembravano davvero piacere. La cura chiropratica cambiò totalmente ciò che era iniziato come un incubo. Vorrei consigliare a chiunque combatte con coliche infantili di rivolgersi ad un chiropratico; certamente ha funzionato con noi”.

 

Coliche infantili

Probabilmente una delle situazioni più frustanti per i neo-genitori è trovarsi ad avere a che fare con un bambino che soffre di coliche. Per questi genitori un recente studio condotto in Sud Africa dà alcune buone notizie. Nello studio di Mercer e Cook, 30 bambini a cui erano state diagnosticate coliche erano divisi in due gruppi. Un gruppo riceveva cure chiropratiche mentre l’altro gruppo no.

Tutti i bambini avevano 8 settimane di vita e le coliche erano state diagnosticate dai loro pediatri. Per l’obiettivo della ricerca il gruppo sottoposto a chiropratica riceveva cure per un periodo di due settimane con un massimo di 6 aggiustamenti. I risultati dello studio furono molto impressionanti. Nel gruppo che aveva ricevuto gli aggiustamenti chiropratici, c’era completa risoluzione dei sintomi per il 93% dei bambini entro due settimane. Persino più impressionante era che in uno studio successivo a distanza di un mese, nessuno dei bambini aveva sperimentato un ritorno delle coliche. La cura chiropratica in questo studio consisteva in aggiustamenti spinali.

 

Differenti strumenti per il trattamento delle coliche infantile: report di due casi. Leach RA, Journal of Manipulative and Physiological Therapeutics January 2002, Volume 25, Number 1

Caso 1: una neonata di 6 settimane piangeva quasi continuamente sin dalla nascita, la mamma descriveva ciò come un ‘urlo violento’, andava sempre peggio. Dormiva solo 3 ore a notte e aveva 15 minuti di riposo 3 o 4 volte a giorno quando mangiava o stava in macchina. Il suo pediatra diagnosticò coliche infantili, e la madre portò la bambina a fare una visita chiropratica dopo che un’infermiera le aveva detto che gli aggiustamenti potevano aiutarla.

Venne riscontrato un disallineamento di T8 sulla base delle affermazioni della madre e dall’osservazione del comportamento della bimba da quando entrò nella clinica. Dopo un solo aggiustamento la bambina riposò per 11 ore durante le 24 ore seguenti e dormì 9 ore ininterrottamente durante la notte; si svegliò sorridente e ridendo.

Caso 2: un neonato di 9 settimane aveva coliche infantili. La madre aveva assunto Lorazepam T, Paxil T, Zyprexa T, and Wellbutrin T per i primi 4 mesi della gravidanza finché scoprì di essere incinta. Allora smise di prendere tutte le medicine tranne lo Zyprexa, che continuò ad assumere per tutta la gravidanza.

Al bambino venne diagnosticato reflusso d’acido come risultato del pianto giorno e notte; non si poteva allevarlo normalmente e venne prescritto Zantac T. Durante la visita nello studio chiropratico i genitori raccontavano che il pianto aumentava a 14 ore al giorno nonostante tutti gli interventi. Dopo 4 aggiustamenti consecutivi il pianto si ridusse a 7 ore, il sonno ininterrotto aumentò a 5 ore (da 3 ore prima della cura chiropratica), e il totale periodo di sonno in un arco di tempo di 24 ore aumentò a 13 ore (da 5 ore prima della cura). Dopo 9 aggiustamenti in due settimane, il bambino piangeva in media solo 2 ore al giorno, dormiva 5 ore a notte e aveva una media di 14 ore globali di sonno al giorno.

Il bambino non gridava più ma sorrideva e rimaneva sveglio senza piangere per lungo tempo e rispondeva in maniera appropriata al lavoro di educazione dei genitori. Ad una successiva consultazione con il pediatra, vennero interrotti tutti i farmaci eccetto il Benadryl T al bisogno. Comunque ogni tanto la mamma dava Mylicon T. Le coliche, così come l’inconsolabile pianto e i pugni serrati non si ripresentarono.

 

Gli effetti a breve termine della manipolazione spinale nel trattamento delle coliche infantili: uno studio clinico randomizzato con un osservatore esterno. Wiberg JMM, Nordsteen J, Nilsson N. Journal of Manipulative and Physiological Therapeutics. October 1999; Vol. 22, No. 8, pp. 517-522.

Questo è uno studio randomizzato svolto in una clinica chiropratica privata e con ospite un’infermiera del Servizio Nazionale per la Salute, in un sobborgo di Copenhagen, Danimarca. Un gruppo di bambini riceveva cure spinali per 2 settimane, un altro era sottoposto al farmaco Dimethicone T per 2 settimane. I cambiamenti delle ore quotidiane di pianto erano registrate in un diario giornaliero. Le ore di pianto si riducevano di 1 ora nel gruppo sottoposto a Dimethicone, confrontato a 2.4 ore nel gruppo che riceveva cura chiropratica in 4-7 giorni. Dall’ottavo all’undicesimo giorno il pianto era di 1 ora nel gruppo con Dimethicone confrontato con 2.7 ore nel gruppo chiropratico.

Durante i 12 giorni dello studio, i bambini sottoposti a cura chiropratica mostravano una riduzione del pianto del 67% mentre il gruppo sottoposto al farmaco aveva una riduzione del 38%. Il numero degli aggiustamenti effettuati durante lo svolgimento dello studio era di 3.8. Da un articolo di un giornale: “La cura chiropratica sconfigge le coliche”, December 1998 issue of Country Living’s Healthy Living, Page 53.

Un’ inconsolabile neonata trova sollievo dopo 6 visite da un chiropratico; Nicholas Roe racconta la storia. Dopo il primo aggiustamento, la bambina sembrava più reattiva e quando aveva la colica la mamma seguiva le istruzioni date dal chiropratico e la bambina si calmava. “Avevamo 5 visite col chiropratico; ognuna durava 20 minuti e a Lucy (la bambina) sembravano davvero piacere.

La cura chiropratica cambiò totalmente ciò che era iniziato come un incubo. Vorrei consigliare a chiunque combatte con coliche infantili di rivolgersi ad un chiropratico; certamente ha funzionato con noi”. Un neonato di sei settimane con coliche. International Chiropractic Pediatric Association Newsletter. May/June 1997. Un bimbo di 6 settimane con coliche, non poteva dormire per più di un’ora e non riusciva a mangiare, venne portato da un chiropratico per un check up. Venne corretta una sublussazione alla C1. Dopo il primo aggiustamento il neonato, che si era addormentato prima di lasciare lo studio, dormì per 8 ore di seguito. Il piccolo aumentò di peso in una sola settimana. Il neonato fu visitato 3 volte a settimana per 2 mesi, e dopo una volta a settimana. I sintomi delle coliche non ritornarono più.

Cure chiropratiche per un bambino con difficoltà nell’ allattamento e coliche. Sheader, WE, Journal of Clinical Chiropractic Pediatrics, Vol. 4, No. 1, 1999. Caso di un neonato di 15 giorni incapace a mangiare allattato al seno e con coliche dalla nascita. Quando fu portato in uno studio chiropratico, piangeva costantemente, “tremava, urlava, vomitava durante e dopo l’allattamento”. Il piccolo aveva anche “crescente sofferenza” 30 minuti dopo l’allattamento e aveva eccessivo gonfiore addominale sin dalla nascita. La madre riferiva che era stato fatto il vaccino contro l’epatite B qualche ora dopo la nascita. Il pediatra aveva prescritto il farmaco ma il piccolo non aveva reagito bene.

Durante l’esame il piccolo piangeva di continuo, con alte urla e con tutto il corpo tremante; aveva l’addome gonfio ed eccessivo gas intestinale. Dopo il primo aggiustamento (alla C1) si verificò una significativa riduzione del pianto, delle urla e del tremore. Alla seconda visita, due giorni dopo, la madre commentava: “è un bimbo completamente differente”.

Cessò il vomito prima e dopo l’allattamento. Venne fatto un altro aggiustamento. Dalla terza visita era riportata “una decisiva diminuzione dei sintomi” e completa risoluzione dei problemi intestinali; dall’ultima visita il piccolo aveva mangiato senza problemi, non era più necessario eseguire aggiustamenti. Il bambino era stato libero dai sintomi per 5 giorni quando ricevette un secondo vaccino per l’epatite B. Tutti i sintomi si ripresentarono in maniera più grave. Vennero fatti aggiustamenti ma non vi era riduzione dei sintomi.

Il piccolo venne aggiustato nella settimana successiva con una minima riduzione dei sintomi. Dall’ottava visita, otto giorni dopo aver ricevuto il vaccino, il bambino iniziò a mostrare miglioramenti e dall’undicesima visita non vi erano più i sintomi e non si fecero più aggiustamenti. 17 giorni dopo la vaccinazione si ripresentarono tutti i sintomi; dalla tredicesima visita il piccolo non mostrava più alcun sintomo. Colica con stimolo di vomito. Van Loon, Meghan. J of Clinical Chiropractic Pediatrics. Vol. 3 No. 1 1998. 207-210.

Caso di un bimbo di tre mesi a cui erano stati diagnosticati coliche e stimolo di vomito, che diventavano sempre più gravi malgrado l’intervento medico. La cura chiropratica consisteva in aggiustamenti spinali e terapia cranio-sacrale con la risoluzione di tutti i sintomi in due settimane di cura. Sono state discusse le cause craniche e spinali, così come la connessione tra il trauma del parto ed i sintomi non spinali.

 

Cura chiropratica nei casi di coliche infantile. Killinger LZ and Azad A. J of Clinical Chiropractic Pediatrics. Vol. 3 No. 1 1998. Pp. 203-206

Studio con un bambino di 11 mesi con gravi, complicate coliche infantili che si erano manifestate tardi. Era incapace di mangiare cibo solido per 4 mesi e soffriva di grave costipazione, debolezza muscolare e mancanza di coordinazione; non era capace di gattonare, stare in piedi o camminare e non reagiva all’ambiente intorno. Il bambino era stato ricoverato in ospedale senza alcun miglioramento delle sue condizioni.

In seguito a specifici aggiustamenti cervicali, per sublussazione nella prima vertebra cervicale (atlante), c’era immediata forza muscolare, coordinazione, reazione e capacità di mangiare cibi solidi senza vomitare. Effetti sistemici delle lesioni spinali. Dhami MSI, DeBoer KF In Principles and Practice of Chiropractic, 2nd edition, Appleton and Lange, East Norwalk, CT 1992. Gli autori elencano “disordini organici relativi a lesioni spinali e risolti dalla manipolazione chiropratica”, inclusi: “disturbi addominali, asma, sindrome di Barre-Lieou, aritmia cardiaca, colica, costipazione, dismenorrea, pressione alta, poco zucchero nel sangue e iperinsulismo, emicrania, disturbi polmonari, ulcere e disfunzioni autonomiche vertebrali”.

 

Cure chiropratiche per bambini con coliche e difficoltà nell’allattamento. Cuhel JM, Powell M, Journal of Clinical Chiropractic Pediatrics 1997 2(2) 150-154.

Un bimbo di 12 giorni con difficoltà durante l’allattamento e con eccessivo gas intestinale venne portato da un chiropratico. Vennero trovate sublussazioni all’occipite e all’atlante. Il piccolo mostrava evidenti segni di sofferenza con la palpazione delle vertebre cervicali. Venne fatto un aggiustamento all’atlante e la madre allattò il piccolo nello studio, immediatamente dopo l’aggiustamento senza alcun problema.

Ad ogni modo ulteriori aggiustamenti chiropratici incontrarono un limitato successo; la madre era sta avvisata che le iniezioni di Depo-Provera (contraccettivo) che ava fatto potevano aver contribuito ai problemi del bambino, allora non fece la successiva iniezione come programmato.

Gli aggiustamenti continuarono e l’alimentazione e le funzioni intestinali si normalizzarono. Colica infantile curata da un chiropratico: studio prospettico di 316 casi. Klougart N, Nilsson N and Jacobsen J (1989) Journal of Manipulative and Physiological Therapeutics, 12:281-288. 73 chiropratici aggiustarono la colonna vertebrale di 316 bambini (media d’età 5.7 settimane alla prima visita) con più o meno gravi coliche (media di 5.2 ore di pianto al giorno). Le mamme tenevano un diario per segnare i sintomi dei bambini, l’intensità e la durata del pianto per le coliche così come tutto ciò che sembrava li aiutasse.

Il 94% dei bambini mostrava una reazione soddisfacente in 14 giorni di cura chiropratica (di solito 3 visite). Dopo 4 settimane, erano mantenuti tutti i miglioramenti. Un quarto di questi bambini mostrava grande miglioramento dopo il primo aggiustamento, tutti gli altri nei 14 giorni di cura. Nota: il 51% del bambini precedentemente era stato sottoposto, senza successo, a cure, di solito terapie farmacologiche.

Colica infantile e chiropratica. Nilsson N. European Journal of Chiropractic 1985;33 (4) :264-65. In questo studio, un questionario retrospettivo non controllato su 132 bambini con coliche, il 91% dei genitori riportava miglioramenti dopo una media di 2-3 aggiustamenti ed entro una settimana di cura. Sublussazione vertebrale e coliche. Pluhar GR, Schobert PD. J of Chiropractic Research and Clinical Investigation, 1991;7:75-76. Una bambina di 3 mesi soffriva di coliche con conseguente interruzione del sonno e poco appetito, ricevette 3 aggiustamenti con due settimane di distanza l’uno dall’altro. Le aree aggiustate erano T7 e la zona cervicale. I sintomi delle coliche vennero risolti. Aggiustamenti chiropratici e coliche infantile. Hyman CA in Proceedings of the fourth National Conference on Chiropractic and Pediatrics.

International Chiropractors Association. Arlington, VA 1994: 65-71. Caso di un bambino di 5 settimane nato con il forcipe. Due settimane dopo la nascita iniziò ad avere episodi di mal di pancia lancinanti, piangeva e arcuava la schiena e aveva gas e flatulenza. Il bimbo venne aggiustato a livello C1 e T9 e le sue condizioni migliorarono sempre più dopo ogni aggiustamento.

 

Sbilanciamenti cinematici dovuti a stiramenti sub occipitali alla nascita. Biedermann H. J. Manual Medicine 1992, 6:151-156.

Il Dr. Biedermann, al tempo di questo articolo, aveva curato più di 600 bambini dal momento che notava stiramenti sub occipitali (sublussazione cervicale). 135 bambini erano ricontrollati in questo report, per i quali i principali sintomi dello stiramento sub occipitale includevano: torcicollo, febbre di origine sconosciuta, meno appetito e altri sintomi di disturbi al sistema nervoso centrale. Questi ultimi includevano: rigonfiamento di un lato del viso, sviluppo asimmetrico dello scheletro e delle anche, pianto quando le mamme provavano a cambiare la posizione dei bambini ed estrema sensibilità del collo alla palpazione.

Il Dr. Biedermann scrive: “la rimozione dello stiramento sub occipitale è il modo più veloce e più efficace per trattare i sintomi…una sessione è sufficiente nella maggior parte dei casi. La manipolazione della regione occipito-cervicale permette la scomparsa di tutti i disturbi…” qualche caso:

Caso 1– bambina di 4 mesi che dormiva sempre sul lato sinistro, il lato sinistro del collo era estremamente sensibile alla palpazione ed era ridotta la flessione a sinistra del rachide cervicale. Un solo aggiustamento alla C1 ha corretto l’attività motoria e la bambina poteva dormire normalmente.

Caso 2– una bambina di 6 mesi con coliche, con sviluppo motorio ritardato e frequenti febbri. Non riusciva a voltare la testa a sinistra. Entro qualche ora dopo il primo aggiustamento alla C1 spontaneamente girò la testa a sinistra. La sua salute tornò ad essere normale. Caso 3- un bambino di 5 mesi con torcicollo, ridotto uso del braccio sinistro, sviluppo asimmetrico dello scheletro. Fece solo un aggiustamento e qualche mese dopo si notò uno sviluppo simmetrico.

 

Effetti collaterali dell’aggiustamento chiropratico. Burnier, A Chiropractic Pediatrics Vol. 1 No. 4 May 1995.

Un bimbo di 4 mesi soffriva di pianto incontrollabile per mesi e urlava per tutte le ore in cui era sveglio. Dopo il primo aggiustamento di CO/C1 ci fu un’ immediata soluzione del problema. A distanza di 3 anni il bambino gode di una normale salute.

Un parto traumatico causa coliche. Krauss LL, Chiropractic Pediatrics Vol. 2 No. 1, October, 1995

Ad una bambina di 9 mesi e ½ vennero diagnosticate coliche: estremi dolori addominali e pianto agitatissimo. La bambina venne aggiustata alla C1 sul lato destro (usando uno specifico strumento) e T4-5 furono aggiustate manualmente e l’osso sacro venne aggiustato tramite uno strumento. Il giorno seguente la madre riferì che la bimba aveva dormito per tutta la notte, per 12 ore, e si era svegliata felice e vivace.

Cure chiropratiche nel primo anno di vita. Ragioni per cui rivolgersi ad un chiropratico. Munck LK, Hoffman H, Nielsen AA. Ugeskr Laeger 1988; 150:1841-1844.

Gli autori svolsero uno studio su 162 bambini in cura da un chiropratico durante il loro primo anno di vita. Le condizioni viste erano:

  • Coliche infantili 73%
  • Curvature 8%
  • Bronchiti 3%
  • Allergie 2.5%
  • Disturbi del sonno 1.8%
  • Infiammazioni alle orecchie 1.8%
  • Eczema 0.6%

Leave a Comment