• 3
  • Feb
  • 0
mal di schiena
Author

Mal di schiena

L’attuale ricerca dimostra significativi miglioramenti per essere liberati dal mal di schiena con la cura chiropratica. Scopri come tu o la tua famiglia potete trarre benefici dalla chiropratica. Chiama lo – 02 5162 1803

Dolore cronico spinale – una ricerca clinica randomizzata comparata a farmaci, agopuntura e manipolazione spinale. Giles LGF, Muller R. Spine 2003;28:1490-1503.

  • A 3 gruppi di pazienti era fornito un ciclo di cura per nove settimane, usando farmaci, agopuntura o cura chiropratica. I risultati mostravano un numero più alto di pazienti soddisfatti con la cura chiropratica.
  • A 40 pazienti venivano dati 2 antinfiammatori e antidolorifici (paracetamolo). 18 smisero presto perché i farmaci non aiutavano o causavano effetti collaterali. Dei 22 che completarono lo studio, solo due trovarono sollievo.
  • Dei 32 pazienti che provarono l’agopuntura, 10 smisero presto perché non trovarono alcun aiuto; dei rimanenti, 3 riportarono sollievo dal dolore.
  • Dei 33 pazienti chiropratici 8 abbandonarono la terapia perché non li aiutava, dei rimanenti, 9 riportarono sollievo.

Il mal di schiena fa parte del modello di salute generale o è un’entità distinta e separata? Una revisione critica della letteratura su un complesso di disturbi, ed in più mal di schiena. Hestbaek L, Leboeuf-Yde C, Manniche CJ Manipulative Physiol Ther May 2003 . Vol 26 . No. 4

Lo scopo di questa revisione è vedere se c’è un complesso di disturbi o altri problemi di salute nelle persone che soffrono di mal di schiena cronico. Furono controllate 23 ricerche. Tutte “mostravano associazioni positive a tutti i disturbi indagati (mal di testa/emicrania, disturbi respiratori, problemi cardiovascolari, stato di salute generale e altro…), ad eccezione del diabete”. La conclusione sostiene: “le ricerche non lasciano alcun dubbio che nell’insieme dei disturbi di alcuni individui giochi un ruolo il mal di schiena”. Sfortunatamente gli autori non si chiedono se la più importante scoperta chiropratica, il complesso delle sublussazioni vertebrali, sia un fattore determinante. La presenza di sublussazioni può spiegare la relazione tra mal di schiena e disturbi viscerali o altri…

Mal di schiena nella popolazione generale. Risultati di uno studio prospettico di 5 anni. Hestbaek L, et al. Journal of Manipulative and Physiological Therapeutics. May 2003; Vol. 26, No. 4.

In questo studio, più di un terzo delle persone che avevano sperimentato mal di schiena l’anno precedente, partecipava alla ricerca per più di 30 giorni. Il 40% aveva mal di schiena ancora 5 anni dopo, il 9% era libero dal dolore durante gli anni. Il mal di schiena raramente sembra che passi da solo ma semplicemente si presenta con periodici attacchi e temporanei sollievi.

Mal di schiena cronico: uno studio sugli effetti della manipolazione sotto anestesia. Nicholas F. Palmieri, NF Smoyak S Journal of Manipulative and Physiological Therapeutics October 2002 . Volume 25 . Number 8

L’obiettivo del progetto era valutare l’efficacia dell’uso di questionari per studiare la manipolazione sotto anestesia, per pazienti con mal di schiena cronico. Gli strumenti di valutazione dei risultati riportati erano usati per considerare i cambiamenti nei pazienti che ricevevano i questionari versus i pazienti che non li ricevevano. Un totale di 87 soggetti, da due cliniche chirurgiche e due studi chiropratici, parteciparono a questa ricerca. Erano divisi in un gruppo di 38 pazienti e in un gruppo di controllo formato da 49 pazienti. Il primo gruppo riceveva i questionari. I pazienti nel gruppo di controllo ricevevano il normale trattamento chiropratico. In questo gruppo campione con mal di schiena cronica, i risultati auto-riportati miglioravano dopo le procedure e le valutazioni. C’erano più miglioramenti nel gruppo di intervento piuttosto che nel gruppo di controllo. Questa ricerca supporta la necessità dei questionari di valutazione su larga scala. È anche rivelato che le valutazioni dei risultati auto-riportati sono facilmente gestibili e relativi al metodo di studiare i questionari.

Trattamento cervicale dei pazienti con disturbi neuromuscoloscheletrici e viscerali. McCoy M. Today’s Chiropractic May/June 2001. P. 46-47.

Caso di un uomo di 65 anni che iniziava ad avere sintomi di dolore alle gambe, parestesia, problemi di deambulazione, difficoltà ad urinare (doveva urinare ogni mezz’ora) e disturbi alla vista, dopo un intervento chirurgico alla schiena, ai segmenti toraco-lombari saldati insieme. Il paziente aveva anche la gotta, che colpiva l’alluce del piede destro, caviglie, gomiti e dita. Prendeva farmaci per la gotta e anche per la pressione del sangue e indossava occhiali per leggere. Soffriva doppiamente per un trauma alla testa da bambino. Una volta era caduto oltre una ringhiera sbattendo la testa. Il paziente riferiva che durante la sera dopo il primo aggiustamento provò uno shock, come una sensazione bilaterale alle braccia e alle gambe; aveva anche freddo, febbre, mani fredde, sudava e aumentava la frequenza dell’urina, crampi ai glutei e perdita di appetito. Dalla mattina seguente tutti i sintomi si risolsero. Il paziente fece 20 sedute chiropratiche in un periodo di 5 mesi. Dalla settima visita non aveva più bisogno di un aggiustamento. Addormentamenti e formicolii del lato destro del corpo erano scomparsi e lui poteva camminare meglio. Sentiva le gambe più forti e non doveva usare più a lungo il bastone. Stare seduto o in piedi era meno doloroso. Riferì una diminuzione della frequenza dell’urina a solo 5 volte al giorno e disse che non erano più necessari gli occhiali per leggere.

Report su mal di schiena nella popolazione danese basato su campioni di bambini e adolescenti. Wedderkopp N, Leboeuf-Yde C, Andersen LB, et al. Spine 2001; 26(17): 1879-83

In questo studio i ricercatori intervistarono 481 bambini dagli 8 ai 10 anni e 325 adolescenti, dai 14 ai 16 anni. In un mese, il 39% affermò di aver sofferto di mal di schiena, nell’area toracica, la zona più comune per problemi durante l’infanzia; le aree toraciche e lombari sono più comuni tra gli adolescenti. Il mal di collo era raro tra gli intervistati.

Cura complementare: quando è appropriata? Micozzi MS 1998. Annals of Internal Medicine:128:65-66.

“L’Organizzazione per la Salute e la Ricerca recentemente è passata alla storia per aver concluso che la terapia manipolativa spinale è il trattamento più efficace per il dolore acuto alla schiena. Si è potuto costatare che per il mal di schiena acuto non causato da fratture, tumori, infezioni o sindrome della cauda equina, la manipolazione spinale è il trattamento da scegliere”. See also: Bigos S., Bowyer O., Braen G., et al. Acute Low Back Problems in Adults. Clinical Practice Guideline No. 14. AHCPR Publication No. 95-0642. Rockville, MD: Agency for Health Care Policy and Research, Public Health Service, U.S. Department of Health and Human Services. December, 1994.

Trattamento chiropratico per pazienti con sublussazioni, mal di schiena e attacchi epilettici. Alcantara, Herschong, Plaugher and Alcantara. J Manipulative Physiol Ther, Volume 21, Number 6, pp. 410-418, April 1998.

Caso di una ragazza di 21 anni con un passato di Petit Mal fin dall’infanzia, le crisi si verificavano ogni 3 ore. L’esame rivelò sublussazione/disfunzione a livello L5-S1, C6-7 e C3-4, retrolistesi di L5, ipolordosi del rachide cervicale ed iperestensione a C6-7. La cura Gonstead le fu fornita per 1 anno e ½, la paziente risolse il mal di schiena e le crisi diminuirono (il periodo tra le crisi più grande fu di 2 mesi). Gli autori concludono: “I dati suggeriscono che le epilessie sono comuni, con un’incidenza tra 40 e 200 su 100.000, con una prevalenza generale tra 0.5-1.0% tra la popolazione. Quando si considerano i potenziali effetti collaterali dei farmaci antiepilettici, si dovrebbe iniziare la ricerca sugli effetti della cura chiropratica per i pazienti con epilessia”.

Trattamento di mantenimento per mal di schiena non specificamente localizzato, acuto e cronico. Van Tulder MW, Koes BW, Bouter LM Spine 1997;22:2128-2156.

Questo studio riporta che c’è “una notevole evidenza dell’efficacia della manipolazione per pazienti con mal di schiena cronico”. Trattamento congiunto chiropratico/dentale per dolore lombo-sacrale e coinvolgimento delle articolazioni temporomandibolari. Chinappi AS and Getzoff H J Manipulative Physiol Ther, Vol. 19 No. 9 Nov/Dec 1996. Caso di una donna di 33 anni con dolore lombo-sacrale. Dopo 30 mesi di cura chiropratica ancora aveva qualche mal di schiena e limitati miglioramenti e accettò di farsi visitare da un dentista, il quale diagnosticò “malocclussione di livello 11, con significativa perdita di dimensione verticale, caratteristico di un deterioramento mascellare bilaterale posteriore”. Dall’estratto: Il trattamento congiunto, che integrò cura dentale e cranio-chiropratica, migliorò il dolore e le funzioni di testa, mascelle, collo e schiena. Conclusione: le posizioni di mascelle, testa, colonna vertebrale, incluso la regione lombare, sono intrinsecamente collegate. Un trattamento odontotecnico migliorò la posizione delle mandibole che, a sua volta, rese capace il corpo di rispondere alla cura chiropratica.

Valutazione del sistema Toftness di aggiustamento chiropratico per i soggetti con mal di schiena cronico, mal di testa tensivo o dismenorrea. Snyder, BJ, Sanders, GE Chiropractic Technique, 1996;8:3-9.

24 soggetti con mal di schiena cronico, 19 con mal di testa tensivo cronico e 26 soggetti con dismenorrea sottoposti ad una serie di aggiustamenti Toftness o falsi interventi. Gli aggiustamenti Toftness procuravano significativi benefici clinici, laddove coloro che ricevevano un falso trattamento non miglioravano. Manga Report, (Canada) 1993.

Aumentata copertura assicurativa per cure chiropratiche (Piano sanitario assicurativo dell’Ontario) come mezzo per ridurre i costi sanitari, ottenendo migliori risultati per la salute e raggiungendo un’equa accessibilità ai servizi sanitari. Manga, P. Report to the Ontario Ministry of Health, 1998.

“É evidente, grazie ai più scientificamente validi studi clinici, che la manipolazione spinale eseguita dai chiropratici sia più efficace di altri trattamenti alternativi per il mal di schiena”. See also Manga, Pran., et al. Chiropractic Management of Low-Back Pain. Pran Manga and Associates, Ontario, Canada, 1993

Mal di schiena di origine meccanica: trattamenti di uno studio chiropratico e di un ospedale a confronto. Meade, T. W., Dyer, S. et al. British Medical Journal, June 1990, 300, pp. 431-437.

Il trattamento chiropratico di pazienti con mal di schiena acuto e cronico era significativamente più efficace delle cure mediche standard. I risultati venivano misurati usando la valutazione Oswestry. Low Back Pain and Chiropractic W J Med 1989;150:351-5

“La percentuale di pazienti che erano molto soddisfatti con la cura per il mal di schiena era tripla rispetto ai pazienti dei medici generici”.

Studio a breve termine sugli aggiustamenti chiropratici per il sollievo dal mal di schiena cronico. Waagen GN, Haldeman S et al Manual Medicine 1986;2:63-67.

L’efficacia del trattamento manuale per il mal di schiena: studio clinico. US gov’t and Manga reports. Arkuszewski Z. Manual Medicine, 1986; 2:68-71.

La manipolazione spinale supera la cura convenzionale nei pazienti, più costosi, con mal di schiena. The New Zealand Commission Report, 1979. Royal Commission of Inquiry on Chiropractic in New Zealand.

Si è fatto riferimento a questo studio come “probabilmente la più comprensiva e dettagliata valutazione chiropratica che sia mai stata svolta”. Dallo scritto: “La commissione ha stabilito oltre ogni ragionevole dubbio, che i chiropratici hanno un tirocinio più accurato, sui meccanismi spinali e la terapia manipolativa spinale, rispetto a qualsiasi altro professionista sanitario. Perciò sarebbe sorprendente pensare che un chiropratico, negli ambiti in cui è esperto, fosse soggetto alle direttive di un medico generico che è grandemente ignorante su quelle materie, semplicemente perché non gli sono state insegnate”.

Mal di schiena di origine meccanica: trattamenti di uno studio chiropratico e di un ospedale a confronto. Meade TW, Dyer S, Browne W et al. British Medical Journal 1990; 300:1431-7.

Questo articolo confronta cure chiropratiche e mediche per trattare il mal di schiena di origine meccanica. Dallo scritto: “C’è un supporto economico per chi usa cure chiropratiche per il mal di schiena, sebbene l’ovvio miglioramento clinico e l’incapacità attribuita al trattamento chiropratico, siano già adeguate ragioni per considerare l’utilizzo della chiropratica. “I benefici della chiropratica diventano più evidenti nel periodo successivo ai trattamenti”. “La chiropratica era particolarmente efficace in coloro che avevano un dolore resistente ai trattamenti, quelli che avevano un passato di grave dolore”.

Mal di schiena e dischi lombari intervertebrali: considerazioni cliniche per i chiropratici. Troyanovich SJ, Harrison DD, Harrison DE. Journal of Manipulative and Physiological Therapeutics, Feb. 1999; vol. 22, no. 2, pp. 96-104.

Questa revisione della letteratura medica estrae e sintetizza le ricerche pubblicate precedentemente. L’articolo elenca le varie cause di mal di schiena, annota le scoperte tra le storie dei pazienti, gli esami fisici e le diagnosi che rappresentano un “bollino rosso” per indicare la necessità di indirizzarsi a specialisti per interventi chirurgici. Dopo che i pazienti sono segnalati come “bollino rosso”, un trattamento conservativo dovrebbe essere la prima linea di trattamento per i pazienti senza alcun assoluto segnale che richieda un’operazione. Gli autori concludevano: “Tra i possibili trattamenti, la cura chiropratica si è dimostrata, attraverso molteplici studi, sicura, clinicamente efficace, e capace di procurare un alto livello di soddisfazione nei pazienti. Di conseguenza per coloro che non hanno assolute indicazioni chirurgiche, è indicato un trattamento chiropratico della durata minima di 2-3 mesi”.

Linee guida: acuto mal di schiena negli adulti. Washington, DC: The Agency for Health Care Policy and Research (AHCPR), U.S. Public Health Service, Dec. 1994, p. 30.

Revisione di molti trattamenti per l’acuto mal di schiena. Un gruppo di medici generici, osteopati, infermieri, fisioterapisti ed altri familiari con i trattamenti per il mal di schiena, controllò oltre 100 studi pubblicati relativi alla manipolazione spinale. I risultati dei 5 anni di ricerca concludevano che il sollievo “può essere ottenuto più sicuramente con farmaci non prescritti e/o con manipolazione spinale”. Il gruppo riscontrò poche evidenze a supporto dell’uso di iniezioni, miorilassanti, steroidi, agopuntura e precoci interventi chirurgici e trovò che “il riposo a letto dovrebbe essere evitato” perché era inutile e poteva peggiorare le condizioni.

Leave a Comment