• 3
  • Feb
  • 0
malattie infantili
Author

Malattie infantili

Diverse malattie infantili sono migliorate grazie alla cura chiropratica. Scopri come tu o la tua famiglia potete trarre benefici dalla chiropratica. Chiama lo 02 5162 1803

La ricerca collega la sublussazione vertebrale a comuni disturbi dell’infanzia.

Qui sotto troverai alcuni esempi delle ricerche che legano le sublussazioni vertebrali e l’interferenza nervosa a specifici disturbi dell’infanzia.

Otite media

I ricercatori hanno valutato 46 bambini aventi meno di 5 anni con infezioni all’orecchio. Ben il 93% è guarito entro 10 giorni di cure chiropratiche (J Manipulative Physiol Ther 1996; 19:169-77). Uno studio ha esaminato il caso di 5 bambini con infezioni ricorrenti all’orecchio medio che avevano ricevuto trattamenti medici per almeno 6 mesi, senza riuscire a guarire. Tutti i bambini hanno riportato miglioramenti con non più di 5 visite dal loro chiropratico (J Clin Chir Ped 1996; 1:66).

Colica Infantile

In un’indagine su 132 genitori di bambini con coliche, il 91% ha riferito che i loro figli sono migliorati dopo una media di 2-3 aggiustamenti (Eur J Chiropr 1985; 33:264-5). Un altro studio su 316 bambini con coliche ha rivelato che il 94% ha tratto beneficio dalla cura chiropratica (J Manipulative Physiol Ther 1989; 12:281-8).

Asma

Un esperimento ha riguardato 81 bambini con asma. Dopo 2 mesi di cura chiropratica, il 90% dei soggetti ha mostrato una qualità di vita significativamente migliorata (J Vertebral sublux Res 1997; 1:41-8). Inoltre, il 76.5% dei pazienti con asma, in un’altra indagine, ha riferito di aver tratto beneficio dalla chiropratica (Bull Eur Chir Union 1978; 26:17-34).

ADHD – sindrome da deficit di attenzione e iperattività

Uno studio condotto dalla Università del Mississippi (USA) ha confrontato la cura chiropratica con un placebo in 7 bambini con problemi di attenzione. Cinque pazienti hanno mostrato; un miglioramento dei punteggi di valutazione comportamentale. Il rapporto ha concluso che “la manipolazione chiropratica (aggiustamenti) ha la potenzialità per divenire un importante intervento non farmacologico per i bambini con iperattività” (J Manipulative Physiol Ther 1989; 12:353).

La relazione tra intensità della cura chiropratica ed incidenza di malattie infantili. Rose-Aymon S, Aymon M. Prochaska-Moss G, Moss R, Rebne R, Nielsen K. Journal of Chiropractic Research, 1989 (Spring): 70-77

Questo è uno studio pilota per determinare se esista una relazione tra l’incidenza di malattie dell’infanzia e l’intensità della cura chiropratica. I risultati mostrano che una cura chiropratica intensiva (cioè con più di sette visite all’anno e più di un anno di cura) aumenti la resistenza a comuni malattie dell’infanzia. Uno studio comparativo dello stato di salute di bambini allevati con i modelli di cura della salute della medicina allopatica e chiropratica. Van Breda, WM and Van Breda JM Journal of Chiropractic Research Summer 1989. In un’indagine su cento chiropratici e cento pediatri si sono chieste informazioni sulla salute dei loro bambini. Un uso inferiore di antibiotici e una più bassa incidenza di malattie, specialmente infezioni all’orecchio, è stata registrata per i bambini”chiropratici”. Se il bambino “chiropratico” prende il morbillo, la rosolia o la parotite, la malattia risulta più leggera in confronto ai loro compagni di classe.

Assenza di cellule T , disfunzioni immunitarie, continui raffreddori – Studio di un caso. International Chiropractic Pediatric Association Newsletter. November 1996

Un bambino di 5 anni con una diagnosi di malformazione alla cervicale e forte scoliosi, aveva anche difficoltà di vocalizzazione, assenza di cellule T, disfunzioni immunitarie e aveva anche sempre il raffreddore. Era stato preso in considerazione un intervento chirurgico per correggere la posizione del cranio. Il bambino é stato esaminato e ha ricevuto un aggiustamento all’atlante (prima vertebra cervicale). Il bambino fu successivamente visitato da altri medici e risultò tutto normale. Sei mesi dopo il suo vocabolario era normale, la posizione della testa era normale e non c’erano stati raffreddori evidenti durante quei mesi. La scoliosi si era notevolmente ridotta.

Leave a Comment